Designer

Thonet

produttore di arredo (1819)

Michael Thonet, tedesco, è l'inventore del procedimento di produzione e del design dei modelli, dei mobili in faggio curvato, anche se alcuni ebanisti prima di lui avevano tentato di costruire arredi con lo stesso procedimento.

La produzione di mobili in faggio curvato rappresenta uno dei primi esempi di produzione industriale; la produzione contina ancor oggi, sebbene in modo diverso e diversificato.

I mobili Thonet nascono attraverso un lungo ed estenuante alternarsi di prove, sperimentazioni ed errori.

Forgiare il legno massiccio e dargli forme armoniose ed articolate non era una ambizione da poco; nei primi esperimenti, Thonet, utilizza strisce di impiallacciatura, e solo dopo anni di tentativi, pochi successi e moltii problemi, ha l'idea di produrre i suoi arredi utilizzando strisce di legno legate tra loro.
Queste venivano fatte ammorbidire in colla bollente e, una volta estratte dal bagno, venivano velocemente piegate dagli operai e messe in forme di ghisa ad asciugare.
Una volta ottenuta la forma desiderata, si assemblano i diversi pezzi delle seggiole e di altri complementi di arredo: la famosa sedia n.14 era costituita da sei differenti pezzi, che venivano uniti e fissati da viti.

I modelli più complessi, come le sedie n.22, andavano spesso incontro a rotture, nei punti dove la piegatura aveva piu violentemente modificato la forma iniziale del legno.

Thonet si e trasferisce con l'intera famiglia a Vienna, dove nel 1849 fonda la prima fabbrica riscuotendo enormi successi.

Presente alle esposizioni universali, Thonet ottiene la rinomanza che serve a garantirgli una fabbricazione su vasta scala. A Londra nel 1851 la sua produzione riceve una medaglia di bronzo e crea l’occasione di allacciare relazioni preziose per la possibilità di esportazione.

I mobili Thonet iniziano a comparire nelle le pagine dei cataloghi di vendita (comprendendo 25 modelli nel 1859, 114 nel 1884 e ben 1400 nel 1915) identificati da un semplice numero e derivati tutti da un unico tondino di faggio, modificato e curvato in lunghe anse, riccioli, volute e anelli.

La produzione gode del plauso del Principe di Metternich e dell'Imperatore stesso: è il successo.

Sebbene inizialmente protetto da regolari privilegi, allo scadere di questi Thonet si trova accerchiato da numerosissimi imprenditori intenzionati a produrre mobili in faggio curvato; iniziano gli anni della concorrenza di marchi ormai noti come Kohn e Fischel, aziende queste che, per stare al passo con la Gebruder Thonet, sono chiamate ad investimenti enormi in manodopera specializzata, macchinari, utensili e legname.

Thonet, apre numerose fabbriche e si orienta verso la produzione di serie.

I modelli delle aziende concorrenti sono, almeno all'inizio, una copia esatta dei modelli Thonet e cio rende necessario l'uso di marchi impressi a fuoco nel legno ed etichette in carta che attestino l'autenticita del prodotto (gli esperti hanno datato le diverse etichette e sono dunque in grado di determinare il periodo di produzione di seggiole apparentemente uguali ma con marchi o etichette differenti).

Agli inizi del Novecento infatti comincia una lunga e proficua collaborazione fra le diverse aziende e i principali architetti e designer, collaborazione che regalera agli arredi in legno curvato nuova fortuna; nomi quali lo stesso Josef Hoffmann, Kammerer, Siegel, Kolo Moser disegnarono e produssero pezzi considerati ancor oggi pietre miliari della storia del design.

Alberghi, teatri, caffe, luoghi di incontri sociali e cultura furono ben presto arredati con i piu svariati modelli di mobili in faggio curvato, il gusto cambio e con questo la foggia degli arredi.