Prodotti

Designer

2cv - Citroen

automobile francese innovativa ed economica (1948)

La 2CV Citroen é stata progettata nel 1936 da Flaminio Bertoni, prodotta dal 1954 al 1985. Sono stati venduti 3.868.643 esemplari.
 
Viene lanciata al Salone di Parigi del 1948, ed è una rivoluzione. Il suo aspetto inedito stupisce e suscita molto interesse insieme al suo carattere ultraeconomico ed il motore bicilindrico raffreddato ad aria.

La 2CV berlina, commercializzata nel 1949 col nome di 2CV A incontrò un successo strepitoso; il suo utilizzo come veicolo commerciale e la sua destrezza nel muoversi nei centri affollati delle città fecero pensare ad una vera e propria versione utilitaria con un sufficiente vano di carico.
In occasione del Salone dell'Automobile di Parigi del 1950, Citroen presentò la versione utilitaria della 2CV, si trattava di una piccola furgonetta pressochè identica a quella che divenne la versione definitiva commercializzata dopo sei mesi, nel marzo 1951.

La meccanica era quella della berlina 2CV A. aveva il piccolo bicilindrico di 375 cm3 erogante la potenza di 9CV che doveva tirare una scocca già più pesante a vuoto rispetto la berlina, più un eventuale carico di 250 Kg, questa infatti era la sua portata. Il furgoncino assolveva al suo duro compito non senza fatica, al limite delle proprie forze. Sulla carta le cose non andavano poi così male, la sua velocità di punta era di 60 Km/h ma in salita la terza marcia non reggeva, poi la seconda, poi ci si ritrovava in prima, inerpicando a 15 Km/h la salita, immersi in un forte rombo.

La prima 2CV furgonetta AU vide, come la berlina, i suoi tempi di consegna aumentare sempre di più, la domanda era forte. La 2CV furgonetta porta termine una bella carriera, AU, AZU e poi AK si susseguono fino al 1979, anno in cui lasciano il posto all'Acadiane, versione furgonata della più recente Dyane.

Antoine Brueder, agente per conto della Citroen convoca la Motorizzazione francese alla presentazione dell'utilitaria 2CV il 5 febbraio 1951.
Il veicolo (n° 300001, motore QD00599) viene provato dall'Ingegnere della Motorizzazione M. Paris il 16 dello stesso mese e omologato.

Segue poi una versione "piattaforma" destinata ai carrozzieri per l'allestimento di vani carico particolari; le versioni offerte dai carrozzieri sono innumerevoli.
La Citroen belga commercializza nel periodo intorno al 1959 una versione week-end della furgonetta, ispirata alla versione break offerta dai carrozzieri francesi. Abitabilità per quattro persone grazie ad un divanetto posteriore basculante, superfici vetrate maggiori e un superiore livello di finitura con verniciatura bicolore caraterizzano queste versioni.