Aziende

Designer

Argomenti affini:

link esterni:

www.joecolombo.it

Joe Colombo

architetto - designer (1930-1971)

Dopo aver frequentato l'Accademia di Belle Arti di Brera e il Politecnico di Milano, Joe Colombo svolge la sua attività nei campi della pittura, dell'architettura, della grafica e della direzione d'industria.

Importante figura, l'architetto e designer milanese, dopo un inizio di carriera nel mondo dell'arte, con esposizione a fianco di artisti come Fontana, Matta, ed altri (il fratello Gianni è artista), aderisce al mac (movimento di arte concreta) nel 1959 si dedica alla progettazione.

Dopo la morte del padre segue l'azienda di apparecchiature elettriche e sperimenta nuovi materiali.

Dal 1960 si dedica esclusivamente al design. Nel 1968 la XIV Triennale di Milano gli affida la sistemazione di un intero settore dove vengono presentate nuove proposte di design e di architettura d'interni: tra queste ricordiamo il "Sistema programmabile per abitare".

Nel 1962 Joe Colombo apre il suo studio di design a Milano, dove si lavora per commissioni architettoniche e al design di prodotto.
I suoi progetti di design sono caratterizzatui da idee geniali e a volte audaci, sempre rivolte alla sperimentazione e all'uso di nuovi materiali e moderne tecnologie per creare nuove soluzioni di design.

Nel 1962 disegna Acrilica per O-luce, progetta blocchi cucina per Boffi, espone al MoMA di New York nella mostra del 1972.
La sedia universale per Kartell del 1965 è un best seller, quindi la Spider (lampada compasso d'oro nel 1967); alogena per o-luce nel 1970.

Nel 1972 alla mostra "Italy: The New Domestic Landscape" al Moma di New York viene esposto il suo progetto di "Unità arredativa globale"; numerose sue opere fanno parte della collezione di design del MoMA. Nel 1984 si tiene al Musée d'Art Moderne di Villeneuve d'Ascq (Francia) una sua retrospettiva.

A utore dei sistemi d'abitazione che rivoluzionano la concezione tradizionale dell'abitare.

Scomparso precocemente, molti suoi progetti sono stati prodotti anni dopo anche a cura di Ignazia Favata che dirige il suo studio.